Camera

Odg: Disposizioni per la citta' di Genova ed altre urgenze - Fare chiarezza nelle norme che regolamentano la qualifica di rifiuto

Data: 31/10/2018
Numero: 9/1209-A/4 / Ordine del giorno
Soggetto: Camera dei Deputati
Data Risposta: 31/10/2018

La Camera, 

premesso che: 

il provvedimento in esame prevede, tra le altre, disposizioni urgenti sulla gestione dei fanghi di depurazione per superare situazioni di criticità, nelle more di una revisione organica della normativa di settore; 

una situazione altrettanto critica, creatasi a seguito della sentenza del Consiglio di stato Sez. IV, n. 1229 del 28.2.2018, è quella relativa ai criteri per la cessazione della qualifica di rifiuto in sede di rilancio delle autorizzazioni che le regioni hanno la facoltà di definire, in assenza di regolamenti comunitari o ministeriali; 

il principio del « caso per caso », dichiarato illegittimo dal Consiglio di Stato, salvi i casi in cui la cessazione della qualifica di rifiuto è disciplinata da norma europee o nazionali, ha consentito il raggiungimento di importanti risultati nel settore del recupero di materia dai rifiuti; 

tale principio è alla base di molteplici autorizzazioni rilasciate dalle regioni agli operatori e, visto il tenore della citata sentenza, tali autorizzazioni rischiano di non essere rinnovate e comunque considerate illegittime, con rilevanti e negative conseguenze sul ciclo dei rifiuti e sui costi degli operatori già autorizzati; 

negando che i criteri per « l'end of waste » possano essere definiti in autorizzazione, il Consiglio di Stato paralizza, di fatto, qualsiasi attività di recupero in procedura ordinaria che non rientri in quelle già oggetto di disciplina europea o nazionale, tant'è che, allo scadere delle autorizzazioni uniche per il trattamento dei rifiuti e delle autorizzazioni integrate ambientali, gli impianti esistenti non potranno più trasformare i rifiuti in prodotti o in materie prime; 

secondo l'Unione delle imprese di settore l'impossibilità per gli impianti di riciclo di trasformare i flussi di rifiuti non ancora regolamentati in « end of waste » limiterà drasticamente gli sbocchi di mercato per quanto riciclato. Centinaia di impianti che oggi riciclano rifiuti grazie ai criteri « EoW » stabiliti nei provvedimenti autorizzativi dalle autorità locali — che ora potrebbero non rinnovarli o addirittura revocarli in autotutela — rischiano di subire il blocco delle attività svolte: un vero e proprio macigno sulla strada del reale sviluppo dell'economia circolare italiana,

impegna il Governo:

a valutare gli effetti applicativi della normativa vigente in materia di autorizzazioni rilasciate dalle autorità competenti agli operatori in relazione alla cessazione della qualifica di rifiuto e, se del caso, ad assumere opportune iniziative, anche carattere normativo, volte a fare chiarezza.

Ordine del giorno sottoscritto dai parlamentari: Foti, Fidanza, Butti, Rotelli, Trancassini.

Nella seduta del 31 ottobre 2018 il Governo ha accolto l'ordine del giorno.

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl