Camera

Odg/4: DDL Conversione in legge del decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87, recante disposizioni urgenti per la dignita' dei lavoratori e delle imprese

Data: 02/08/2018
Numero: 9/924-A/4 / Ordine del giorno
Soggetto: Camera dei Deputati
Data Risposta: 02/08/2018

Disegno di legge: Conversione in legge del decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87, recante disposizioni urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese (A.C. 924-A)

ORDINE DEL GIORNO

La Camera, 

premesso che: 

in Emilia-Romagna il sistema cooperativo è attivo da lungo tempo e, nei fatti, si è per vari lustri sistematicamente aggiudicato la gran parte degli appalti pubblici; 

detto sistema deve affrontare oggi una duplice situazione di difficoltà: da una parte alcune grandi centrali cooperative sono poste in liquidazione coatta amministrativa o presentano istanza di concordato preventivo, a tacere del prestito sociale elargito alle cooperative dai soci, che in molti casi se ne è andato letteralmente « in fumo »; dall'altra proliferano cooperative spurie che, sottoposte al controllo dell'ispettorato del lavoro, risultano del tutto irregolari (nel 2017, a fronte di 163 cooperative controllate le irregolari risultavano 140 mentre il fenomeno tocca il 90 per cento delle cooperative nei primi mesi di quest'anno); 

detti dati, illustrati nei giorni scorsi dall'ispettorato regionale di Bologna alla commissione speciale di ricerca e studio sulle cooperative spurie o fittizie, istituita dall'assemblea legislativa della regione Emilia Romagna, suggeriscono di cambiare passo e reagire con forza a questa situazione; 

vari sono gli indicatori che consentono di individuare le cooperative spurie: tuttavia, la costante è il dumping sulle imprese sane, cioè l'abbattimento dei prezzi a determinati livelli in ragione dei quali è impossibile garantire il rispetto dei contratti e la sicurezza sul lavoro. Altri significativi indicatori sono: la scarsa conoscenza e condivisione dei valori mutualistici tra i lavoratori, l'irrilevante partecipazione alle assemblee, i livelli di indebitamento molto forte, la vita breve della cooperativa e i livelli retributivi molto bassi, anche oltre il 30 per cento in meno rispetto a quelli delle cooperative in regola; 

non vi è dubbio, quindi, che le cooperative spurie rappresentano un elemento di fortissima turbativa, in ragione di una praticata concorrenza sleale nei confronti di quelle regolari: nei fatti è provato che l'alterata concorrenza si basa – come detto – su prezzi al massimo ribasso e costo della manodopera compatibile solo con lo sfruttamento dei soci lavoratori;

ridare dignità al lavoro significa, innanzitutto, eliminare le zone buie rappresentate da cooperative che operano contra legem, ignorando le più elementari regole di rispetto per la forza lavoro impegnata, 

impegna il Governo

ad assumere tempestivamente idonee iniziative – anche di carattere normativo – per contrastare efficacemente la proliferazione delle cooperative « spurie », la cui illecita attività finisce per determinare condizioni di sfruttamento dei prestatori d'opera dalle stesse utilizzati, con conseguenti rivendicazioni di ordine sindacale che, spesso e volentieri, determinano preoccupanti situazioni sotto il profilo dell'ordine pubblico.

Ordine del giorno sottoscritto dai parlamentari Foti e Butti.

Il Governo ha espresso parere favorevole sull'Ordine del giorno in data 2 agosto 2018


facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl