Camera

Cantiere per la realizzazione del centro commerciale 'Parma Urban District'; pioggia di avvisi di garanzia e contrasto con i vincoli aeroportuali, il Governo faccia luce sulla vicenda

Data: 25/10/2018
Numero: 5-00835 / Interrogazione a risposta in commissione
Soggetto: PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI, MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Data Risposta: -

Per sapere – premesso che: 

l'area (di circa 300.000 metri quadrati) del cantiere del centro commerciale « Parma Urban District », ubicata nei pressi dell'aeroporto « Giuseppe Verdi » di Parma, risulta essere stata destinataria di un provvedimento di sequestro preventivo ordinato dal giudice per le indagini preliminari (gip) ed eseguito dalla Guardia di finanza, nell'ambito di un'indagine in cui si ipotizza il reato di abuso di ufficio; 

le indagini della procura della Repubblica di Parma hanno preso avvio da un esposto nel quale venivano ipotizzate criticità nell'iter amministrativo di rilascio dei permessi di costruzione; 

risultano, altresì, notificati avvisi di garanzia a tre esponenti del comune di Parma per il reato di abuso d'ufficio in concorso, tra i quali l'assessore all'urbanistica e ai lavori pubblici; 

sarebbe emerso, nel corso delle indagini delegate al nucleo di polizia economicofinanziaria della Guardia di finanza di Parma, che il centro commerciale in costruzione risulti ubicato su di un'area che, in ragione di quanto disposto dal codice della navigazione e dal regolamento dell'Enac (Ente nazionale per l'aviazione civile), risulterebbe sottoposta a vincolo aeroportuale. Nei fatti, proprio per la sua posizione a ridosso dell'aeroporto Verdi e per ridurre al minimo i possibili rischi per la collettività in caso di incidenti aerei, nell'area che qui interessa non sarebbe possibile realizzare strutture e/o edifici (ad esempio: scuole, centri commerciali) con un elevato « carico antropico » –: 

se il Governo intenda appurare se il piano di rischio aeroportuale, come previsto dall'ultima versione del regolamento che l'Enac ha emanato nel 2011, effettivamente risulti preclusivo rispetto a permessi di costruzione per la realizzazione del centro commerciale che qui interessa; 

in caso di risposta affermativa al sopra esposto quesito, se risulti che Enac abbia notiziato del divieto in questione l'amministrazione comunale di Parma ed eventualmente quando; 

se, a fronte delle acclarate limitazioni, siano state assunte dal predetto ente iniziative nei confronti del comune di Parma, successivamente al rilascio dei permessi di costruzione; 

se i fatti siano noti al Governo, quali ne siano gli orientamenti e quali eventuali iniziative, nell'ambito delle proprie competenze, intenda assumere per garantire il rispetto del principio di legalità nella pubblica amministrazione.

On. Tommaso Foti

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl