Camera

Coronavirus, accesso al Pronto Soccorso; esentare esami radiologici per sospetto Covid-19 da ticket

Data: 09/04/2020
Numero: 4-05163 / Interrogazione a risposta scritta
Soggetto: MINISTRO DELLA SALUTE, MINISTRO PER GLI AFFARI REGIONALI E LE AUTONOMIE
Data Risposta: -

Per sapere – premesso che: 

come è noto, è previsto il pagamento di un ticket per l'accesso al pronto soccorso per quelle prestazioni che comunemente vengono definite ipotesi di minore gravità, quando cioè al paziente che vi si reca viene assegnato un codice non corrispondente a situazioni di necessità e urgenza. Proprio a tal fine quasi tutte le regioni, spesso con modalità e importi diversi, hanno previsto il pagamento del ticket per l'accesso al pronto soccorso nelle ipotesi di cui sopra; 

appare tuttavia clamoroso che in Emilia- Romagna, a fronte di esami radiologici volti ad attestare la presenza di polmonite interstiziale, non rientrando l'accesso al pronto soccorso per la prestazione avente tale finalità nelle categorie di esenzione previste dalla delibera della giunta regionale n. 389/91, al paziente sia richiesta, a quanto consta all'interrogante, la partecipazione alla spesa sanitaria nella misura di 79,59 euro; 

non vi è dubbio che la richiesta dell'esame radiologico summenzionato è volta ad accertare la presenza o meno della infezione da nuovo coronavirus –: 

se, alla luce di quanto sopra esposto, i Ministri interrogati intendano assumere le immediate iniziative di competenza, anche promuovendo un accordo nell'ambito della Conferenza Stato-regioni, al fine di prevedere l'esenzione, per i casi identici a quello sopra riferito, dal pagamento del preteso ticket per l'accesso al pronto soccorso.

On. Tommaso Foti

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl