Camera

Diffusione dell'odio politico al quartiere Infrangibile; intervenire con durezza contro coloro i quali predicano la violenza quale strumento di lotta politica

Data: 17/09/2019
Numero: 4-03599 / Interrogazione a risposta scritta
Soggetto: MINISTRO DELL'INTERNO
Data Risposta: -

Per sapere – premesso che: 

con atto di sindacato ispettivo n. 4- 00497 del 19 giugno 2019 viene denunciata la grave situazione di intolleranza politica che si registra all'interno del quartiere « Infrangibile » nel comune di Piacenza, imputabile ad esponenti della sinistra extraparlamentare, autori tra l'altro, di una grave forma di intimidazione in occasione della prima riunione pubblica del « Comitato Infrangibile Sicuro », nonché autori di minacciose scritte murali nei confronti del suo presidente; 

la situazione è ulteriormente peggiorata rapidamente e nel mirino sono finiti alcuni abitanti della zona iscritti o simpatizzanti di Fratelli d'Italia. Anche la porta esterna della segretaria dell'interrogante a Piacenza viene, in più occasioni lordata, con scritte e l'affissione di volantini minacciosi, atti questi ultimi che lasciano nella più completa indifferenza il destinatario degli stessi; 

è di questi giorni l'ennesima comparsa di scritte murali minacciose nei confronti di « fascisti, poliziotti e caramba », oltre alla rituale « 10,100,1000 Ramelli », a giudizio dell'interrogante vera e propria manifestazione di istigazione a delinquere, oltre che forma di esaltazione di uno dei più orrendi crimini politici perpetrato nel 1975 nei confronti di un inerme giovane militante del Movimento Sociale Italiano –: 

se il Ministro interrogato intenda promuovere, per quanto di competenza, approfondite e immediate verifiche in relazione agli episodi sopra richiamati, per contribuire all'individuazione degli autori di dette illecite scritte, tenendo anche conto del fatto che, a quanto consta all'interrogante, sulle pagine Facebook di molti esponenti della sinistra piacentina dette violente esibizioni vengono esaltate quando non rivendicate; 

se e quali iniziative di competenza, anche con riferimento a quanto esposto nel sopra citato atto di sindacato ispettivo, siano state assunte per prevenire e contrastare dette forme di violenza, praticate in vario modo da parte di soggetti che, anche attraverso l'utilizzo dei « social », pubblicamente esaltano il ricorso alla violenza come metodo di lotta politica.

On. Tommaso Foti 

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl