Navigando il sito tommasofoti.com, accetti il modo in cui utilizzamo i cookies per migliorare la tua esperienza.
OK

Archivio

Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici

Numero: 9/052363-AR/014
Soggetto: Governo - Ordine del Giorno
Data Risposta: 11/07/2012

ORDINE DEL GIORNO
La Camera,

premesso che:
il provvedimento in esame, nell'introdurre «interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012», fissa tra le priorità quelle di realizzare in tempi rapidissimi una piena ripresa di tutte le attività produttive e un altrettanto rapido ritorno alle normali condizioni di vita e di lavoro delle comunità così duramente colpite dal terremoto;
ritenuto che il conseguimento delle indicate priorità non può che iscriversi dentro un più generale obiettivo di salvaguardia delle comunità: delle scuole, degli ospedali, dei beni artistici, dei servizi, del complesso delle funzioni pubbliche e amministrative svolte dagli enti locali, a partire dai comuni, che di quelle comunità sono espressione profonda e presidio insostituibile di coesione e di tenuta culturale, sociale ed economica,

impegna il Governo:

a consentire che le risorse stanziate per gli interventi di cui all'articolo 7, considerati i tempi necessari per la loro adozione, siano utilizzabili, in alternativa, anche nell'anno 2013, anziché nel solo anno 2012;
ad individuare idonee soluzioni in riferimento alla assoluta necessità per i comuni e le province interessate dagli eventi sismici di intervenire per la ricostruzione del patrimonio pubblico di propria competenza, tenendo conto della presumibile insufficienza del fondo di cui all'articolo 2 e dei limiti imposti dall'applicazione del patto di stabilità interno;
ad assumere idonee iniziative per superare le difficoltà di cassa degli enti locali colpiti dagli eventi sismici, con particolare riferimento ai comuni, derivanti sia dall'esigenza di adottare interventi urgenti per la fase emergenziale e l'avvio della ricostruzione, sia per il venir meno delle entrate relative a tributi di propria competenza, i cui termini di pagamento sono stati sospesi con il decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 1o giugno 2012;
a valutare l'opportunità di adottare opportune iniziative affinché si possano assicurare, anche attraverso l'intervento delle autorità di regolazione, alle imprese che gestiscono i servizi pubblici locali, che versano in difficoltà di cassa analoghe a quelle degli enti locali, idonee compensazioni finanziarie per i mancati aumenti tariffari.
9/5263-AR/14. (Testo modificato nel corso della seduta) Tommaso Foti, Mariani, Ghiglia, Dionisi, Di Biagio, Piffari, Lanzarin, Alessandri, Benamati, Bratti, Marco Carra, Iannuzzi, Marchi, Margiotta, Misiti, Raisi, Realacci.

11/07/2012

facebbok

Rassegna Stampa

Tommaso Foti TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl