Camera

Piacenza, episodi di inaudita violenza e degrado urbano; ripristinare l'iniziativa 'citta' sicure' con l'impiego dei militari per i pattugliamenti

Data: 01/08/2018
Numero: 4-00875 / Interrogazione a risposta scritta
Soggetto: MINISTRO DELL'INTERNO, MINISTRO DELLA DIFESA
Data Risposta: -

Per sapere – premesso che: 

si susseguono, oramai anche più volte al giorno, fatti di inaudita violenza nell'area attigua la stazione ferroviaria di Piacenza, nella zona di Via Roma, e in particolare Piazzale Marconi, via Primogenita, via Roma, via Torricella, via Pozzo, viale Abbadia, via Tibini e via Alberoni; 

risse provocate da futili motivi, spaccio di droga, fiumi di alcool che scorrono a tutte le ore del giorno, sfaccendati e pregiudicati che la fanno da padrone: questo è il biglietto da visita nel 2018 di quello che è sempre stato uno dei quartieri abitati dai « piacentini del sasso » e che oggi vede una presenza decisamente maggioritaria di popolazione straniera, regolare e clandestina; 

la situazione sopra rappresentata continua a volgere al peggio: gli ultimi anni sono da ricordare negativamente tant'è che, non a caso, le ultime campagne elettorali hanno visto all'ordine del giorno, in ambito locale, la situazione dell'ordine e della sicurezza pubblica della zona in questione; 

in passato, la realizzazione della iniziativa « città sicure » promossa dagli allora Ministri La Russa e Maroni, aveva dato risultati estremamente positivi, sicché negli anni scorsi il consiglio comunale di Piacenza aveva sollecitato la riproposizione dell'iniziativa, nei mesi scorsi sollecitata anche dal sindaco Patrizia Barbieri; 

è improcrastinabile un'iniziativa di carattere straordinario che veda congiuntamente impegnate le forze dell'ordine in una massiccia attività di prevenzione dei comportamenti illeciti e di repressione nei confronti di chi li commette –: 

quali urgenti disposizioni intenda impartire il Governo al riguardo e se si intenda includere Piacenza tra le città destinatarie dell'iniziativa « città sicure », tenendo conto che in passato al riguardo venne utilizzato il personale militare appartenente al II reggimento Pontieri, attivo a Piacenza e, quindi, con costi estremamente contenuti.

On. Tommaso Foti

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl