Navigando il sito tommasofoti.com, accetti il modo in cui utilizzamo i cookies per migliorare la tua esperienza.
OK

Camera

Piacenza, Tangenziale di San Giorgio; riprendere i lavori

Data: 23/03/2018
Numero: 5-00001 / Interrogazione a risposta in Commissione
Soggetto: MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI
Data Risposta: -

Per sapere – premesso che: 

nel piano economico-finanziario approvato a suo tempo da Autostrade Centro Padane spa era prevista la realizzazione della variante della strada provinciale n. 6 di Carpaneto (tra Crocetta e San Giorgio Piacentino), tant'è che nel giugno del 2010 ebbero ad inizio i relativi lavori, poi soggetti ad interruzione per ragioni attinenti alla situazione finanziaria della detta società, con conseguente risoluzione del contratto d'appalto in essere; 

se è vero che i lavori in questione risultano sospesi da circa cinque anni, altrettanto vero è che le opere realizzate (pari al 33 per cento del valore di quelle previste) rischiano di diventare del tutto inutilizzabili senza un'immediata riapertura del cantiere che qui interessa; 

Autovia Padana spa è subentrata il giorno 1° marzo 2018 nella gestione dell'Autostrada A21 Brescia-Cremona-Piacenza alla Società Autostrade Centro Padane spa in virtù della convenzione rep. 16051/7665 stipulata con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti in data 31 maggio 2017;

la predetta convenzione prevede, oltre alla gestione del collegamento autostradale, la realizzazione e la gestione di nuovi investimenti, tra i quali quelli in questione, tecnicamente definiti « interventi sulla viabilità di adduzione alla A21 in Piacenza »; 

le pure opportune rassicurazioni riguardanti la volontà, da parte della detta società, di dare corso al completamento degli interventi di che trattasi secondo gli impegni previsti nel piano economico finanziario allegato alla convenzione sottoscritta con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, non individuano con certezza il momento della ripresa dei lavori in questione –: 

se siano noti al Ministro interrogato detti tempi e, in ogni caso, se intenda assumere iniziative per accertarli; conseguentemente, quando – salvo cause di forza maggiore – gli stessi dovrebbero essere conclusi.

On. Tommaso Foti

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl