Camera

Piacenza, Tangenziale di San Giorgio; riprendere i lavori

Data: 23/03/2018
Numero: 5-00001 / Interrogazione a risposta in Commissione
Soggetto: MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI
Data Risposta: 13/12/2018

Per sapere – premesso che: 

nel piano economico-finanziario approvato a suo tempo da Autostrade Centro Padane spa era prevista la realizzazione della variante della strada provinciale n. 6 di Carpaneto (tra Crocetta e San Giorgio Piacentino), tant'è che nel giugno del 2010 ebbero ad inizio i relativi lavori, poi soggetti ad interruzione per ragioni attinenti alla situazione finanziaria della detta società, con conseguente risoluzione del contratto d'appalto in essere; 

se è vero che i lavori in questione risultano sospesi da circa cinque anni, altrettanto vero è che le opere realizzate (pari al 33 per cento del valore di quelle previste) rischiano di diventare del tutto inutilizzabili senza un'immediata riapertura del cantiere che qui interessa; 

Autovia Padana spa è subentrata il giorno 1° marzo 2018 nella gestione dell'Autostrada A21 Brescia-Cremona-Piacenza alla Società Autostrade Centro Padane spa in virtù della convenzione rep. 16051/7665 stipulata con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti in data 31 maggio 2017;

la predetta convenzione prevede, oltre alla gestione del collegamento autostradale, la realizzazione e la gestione di nuovi investimenti, tra i quali quelli in questione, tecnicamente definiti « interventi sulla viabilità di adduzione alla A21 in Piacenza »; 

le pure opportune rassicurazioni riguardanti la volontà, da parte della detta società, di dare corso al completamento degli interventi di che trattasi secondo gli impegni previsti nel piano economico finanziario allegato alla convenzione sottoscritta con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, non individuano con certezza il momento della ripresa dei lavori in questione –: 

se siano noti al Ministro interrogato detti tempi e, in ogni caso, se intenda assumere iniziative per accertarli; conseguentemente, quando – salvo cause di forza maggiore – gli stessi dovrebbero essere conclusi.

On. Tommaso Foti

RISPOSTA IN COMMISSIONE

5-00001 Foti: Tempi di realizzazione della variante della strada provinciale n. 6 di Carpaneto (PC). 

Il Viceministro Edoardo RIXI, risponde all'interrogazione in titolo nei termini qui di seguito riportati.

Gli interventi inerenti la viabilità ordinaria di adduzione alla A21 in Piacenza – Adeguamento di tratte funzionali della SP 6 di Carpaneto – rientrano tra le opere previste dalla Convenzione sottoscritta in data 31 maggio 2017 fra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e il concessionario Autostrade Centro Padane S.p.A., cui è subentrata la società Autovia Padana il 1o marzo 2018. A seguito di tale subentro, la nuova società concessionaria ha avviato le verifiche con gli enti competenti per accertare lo stato dell'arte in ordine alla validità delle autorizzazioni a suo tempo rese e alla disponibilità dei sedimi necessari per l'esecuzione dei lavori. Dopo vari incontri è emerso che il provvedimento di VIA approvato nel 2007, benché ancora efficace, assume come titolare il concessionario cessato e che pertanto occorre la voltura dell'Atto da parte del nuovo concessionario. Fatte salve puntuali modifiche conseguenti all'introduzione delle verifiche delle strutture alle recenti Norme Tecniche per le Costruzioni 2018, non sono previste variazioni al progetto esecutivo allegato al bando di gara. È inoltre in corso di predisposizione la Convenzione con gli enti competenti, cioè provincia di Piacenza e comuni interferiti, già precedentemente sottoscritta con il concessionario scaduto. La provincia di Piacenza ha confermato la disponibilità delle aree, che sono quindi state acquisite in via definitiva. La progettazione esecutiva è in corso di predisposizione da parte del concessionario. Non appena si perfezioneranno i riscontri attesi dagli Enti, i lavori potranno essere avviati.

Tommaso FOTI (FdI) si dichiara soddisfatto della risposta puntuale resa dal rappresentante del Governo. Auspica che siano avviati tempestivamente i lavori sospesi ormai da cinque anni e che avrebbero richiesto tempi ben inferiori per la propria esecuzione. Invita il rappresentante del Governo ad assicurare che i competenti organi ministeriali incaricati in ordine alla voltura della VIA possano agire con solerzia, costituendosi, in caso contrario, un ulteriore elemento ostativo all'effettuazione dei lavori.

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl