Camera

Disposizioni urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del virus COVID-19 - Esame degli Ordini del giorno

Data: 20/01/2021
Numero: 454
Soggetto: Camera dei Deputati

Seguito della discussione del disegno di legge: Conversione in legge del decreto-legge 18 dicembre 2020, n. 172, recante ulteriori disposizioni urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del virus COVID-19 (A.C. 2835-A).

...
PRESIDENTE. Ha chiesto di parlare il collega Foti. Ne ha facoltà. 

TOMMASO FOTI (FDI). Presidente, appare irrituale che il Governo esprima parere contrario agli ordini del giorno nn. 9 e 10, atteso che il Comitato per la legislazione, quando venne costituito, venne costituito appositamente per un miglioramento di quello che è il procedimento legislativo e anche di quello che è il testo legislativo. Nel caso di specie, il Governo oltretutto, rifiutando questo ordine del giorno, rifiuta anche le premesse che sono contenute - e mi pare difficile poterlo fare - con il parere reso nella seduta del 9 dicembre 2020, seduta nella quale vengono fatti alcuni rilievi sulle modalità con cui vengono adottati i decreti-legge. Io penso che non sia un argomento di lana caprina: il fatto che il Governo possa adottare decreti-legge nei termini in cui la Carta costituzionale lo consente, deve trovare un limite ben preciso nel dettato della Carta costituzionale medesima. Pare evidente che dei decreti-legge omnibus, dei decreti-legge eterogenei, dei decreti-legge che, quando sono stati posti, per come presentati all'attenzione della Corte costituzionale, hanno ricevuto censura dalla Corte stessa, perché in alcuni casi proprio il tipo di materie affrontate, ovvero la modalità della legislazione è stata ritenuta dalla Corte Costituzionale in violazione dei principi costituzionali, io penso che anche in un rapporto corretto Governo-Parlamento non si possa esprimere parere contrario su questi due ordini del giorno (Applausi dei deputati del gruppo Fratelli d'Italia). 

...
TOMMASO FOTI (FDI). Chiedo di parlare. 

PRESIDENTE. Collega Foti, su che cosa? 

TOMMASO FOTI (FDI). Sull'ordine dei lavori, Presidente, perché il quesito che ha posto il collega Mulè è stato liquidato con un silenzio. Allora, vorrei far presente che in quest'Aula non si possono esprimere voti contraddittori: è impedito. Se si boccia un ordine del giorno e non si dicono le ragioni per le quali si dovrebbe invece accogliere altro ordine del giorno, vi è una contraddizione tra i dispositivi che riguardano materia identica ed espressioni affini. Dopo che è stato espresso il parere contrario sull'ordine del giorno del collega Mulè, l'altro ordine del giorno doveva risultare precluso! Per il semplice motivo che o si esprimeva ugualmente il parere contrario – e, quindi, in linea con il precedente - o non si poteva esprimere un parere diverso (Applausi dei deputati del gruppo Fratelli d'Italia). Se poi la motivazione è nelle premesse, allora il Governo doveva dire e specificare che l'ordine del giorno Mulè veniva respinto, in relazione al fatto che non si accettava - ammesso che fosse stata presentata dal Governo - la proposta di espungere le premesse dell'ordine del giorno. Io penso che ci si possa anche arrampicare sui vetri, per cercare soluzioni a queste buche clamorose che si prendono, però, a mio avviso, anche per una questione di correttezza - e perché comunque i precedenti poi rimangono - era doveroso dare una spiegazione ad una eccezione formale che, a termini di Regolamento, è stata qui avanzata dal collega Mulè (Applausi dei deputati dei gruppi Fratelli d'Italia e Forza Italia-Berlusconi Presidente).

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl