Navigando il sito tommasofoti.com, accetti il modo in cui utilizzamo i cookies per migliorare la tua esperienza.
OK

Archivio

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese


. . .

  Tommaso FOTI (PdL) chiede al relatore di valutare l'opportunità di inserire nella proposta di parere sul provvedimento un esplicito riferimento all'esigenza che le nuove norme introdotte dal comma 53 dell'articolo 34 del provvedimento siano da riferirsi esclusivamente alle nuove costruzioni.


PARERE APPROVATO DALLAL COMMISSIONE


La VIII Commissione,
   esaminato, per le parti di competenza, il disegno di legge n. 5626 Governo, approvato dal Senato, recante «Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese»;
   rilevata la carenza anche in tale decreto legge di specifiche misure dirette alla stabilizzazione delle agevolazioni fiscali per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici (cosiddetto 55 per cento) e alla sua estensione agli interventi di adeguamento antisismico degli edifici;
   valutata l'opportunità di prevedere nel decreto disposizioni dirette a un riequilibrio nell'ordinamento tra misure a favore delle grandi opere e misure tese a incentivare la realizzazione di piccole opere pubbliche, nonché disposizioni volte a favorire gli interventi di manutenzione delle opere pubbliche e di mitigazione dei rischi sismico e idrogeologico,
  esprime

PARERE FAVOREVOLE


  con le seguenti osservazioni:
   a) valutino le Commissioni di merito l'opportunità di procedere ad un coordinamento delle norme di cui all'articolo 33, commi 1, 2, 2-ter e 2-quater, con le norme contenute nella legge n. 183 del 2011 in materia di finanziamento delle infrastrutture mediante interventi di defiscalizzazione;
   b) valutino le Commissioni di merito la possibilità di prevedere, con riferimento alle citate norme di cui all'articolo 33 del provvedimento, opportune limitazioni al presupposto giuridico della non sostenibilità del piano economico e finanziario delle opere ai fini dell'accesso di queste ultime alle misure agevolative previste dalle medesime norme;
   c) valutino le Commissioni di merito l'opportunità di modificare il testo dell'articolo 34, commi 52 e 53, primo periodo, in modo da chiarire, nel primo caso, in maniera univoca, il campo di applicazione della norma e, nel secondo caso, che la nuova normativa si applica solo alle nuove costruzioni.

11/12/2012

facebbok

Rassegna Stampa

Tommaso Foti TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl