Navigando il sito tommasofoti.com, accetti il modo in cui utilizzamo i cookies per migliorare la tua esperienza.
OK

Rassegna Stampa

Centrodestra unito: 'La maggioranza non e' in difficolta''

Data: 27/04/2018

Foti: ritardi sui lavori pubblici per colpe passate. Pavesi difende Polledri e Putzu

«Questa maggioranza non è assolutamente in difficoltà, è solida ed è orgogliosa del lavoro fatto dall'assessore Passoni che giustamente ci ricorda che il Comune non naviga nell'oro». Il capogruppo della Lega Nord, Stefano Cavalli, non ha gradito i riferimenti «agli imbarazzi leghisti» fatti da Christian Fiazza durante il dibattito sul consuntivo 2017 approvato con i voti del centrodestra e l'astensione delle opposizioni. Un intervento in cui il consigliere del Pd ha parlato di «una città governata da una rappresentanza importante della borghesia medio-alta» con il Carroccio, «che si fregia di rappresentare le classi medio-basse della società», relegato al ruolo di «comprimario». Così come Tommaso Foti (Fdi), a giudicare dalla sua reazione stizzita, non deve aver apprezzato l'etichetta di «fuoriclasse» affibbiatagli da Massimo Trespidi (Liberi) che gli riconosceva la grande capacità di cementare la coalizione nei momenti più complessi, visti anche i diversi posizionamenti sull'aumento dell'Irpef previsto per il 2019 («Noi non la voteremo» ha promesso Cavalli). Foti ha accusato di «falsità» le opposizioni, di «aver scambiato il voto sul consuntivo con le linee di mandato» e di non «comprendere i numeri». Sostenendo inoltre che l'amministrazione ha attuato «una spending review difficile e attenta, che consente di recuperare risorse da investire altrove». Dove? Foti non ha dubbi: «In particolare sui lavori pubblici perché questa città è indietro in modo vergognoso a causa di scelte attuate in passato» ha detto invitando poi l'esecutivo a ridurre «il clientelismo che per anni è regnato nel welfare». Eppure la Lega - che come dimostra la vicenda Acer ha qualche crepa al proprio interno - ha dovuto fare i conti con Nelio Pavesi che, pur votando a favore del consuntivo, non ha risparmiato appunti: «Non ho trovato giusta la soppressione della gratuità dell'uso dei pullman per gli over 65» ha detto aggiungendo che «le buche nelle strade vanno chiuse e che le risorse per queste cose cui la gente bada vanno trovate sempre». Per poi concludere schierandosi in difesa degli assessori Massimo Polledri e Filiberto Putzu, fino a pochi giorni fa dati in bilico: «Hanno idee e sono molto propositivi. Trovo quantomeno strano che siano gli unici a rischiare il rimpasto». 

Libertà  

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl