Rassegna Stampa

Foti rivela: incontri con Pugni e altri per sondarli su Fdi

Data: 31/07/2019

Al 5 stelle solidarietà bipartisan Nel mirino del deputato incontri grillini al ministero sull'ospedale

Velenosi echi lunedì in consiglio comunale allo scontro della seduta precedente sul nuovo ospedale tra Fdi e Andrea Pugni (M5s) che in polemica si è poi dimesso da presidente della commissione di Garanzia e Controllo. Da Nicola Domeneghetti (Fdi) è stata espressa solidarietà ai colleghi di gruppo a suo giudizio offesi da Pugni. Solidarietà a tutti i colleghi della minoranza per «la vergognosa nota dei capigruppo della maggioranza e per l'inopportuno tono della dichiarazione di voto del capogruppo di Fdi Migli» da cui aveva avuto origine la reazione di Pugni, è stato il controcanto di Stefano Cugini (Pd). «Solidarietà a tutti i consiglieri comunali per tutte le volte in cui in questi due anni hanno dovuto assistere a episodi con urla che si sono sentite fino in piazza Cavalli e oltre senza che nessuno abbia detto niente», l'ha invece espressa Sergio Dagnino (M5s) con implicito riferimento al leader di Fdi, Tommaso Foti, da poco dimessosi dall'assemblea di Palazzo Mercanti. Ha rumoreggiato Fdi, con Filippo Bertolini che ha preso la parola per definire «inaccettabile che si trasgredisca il regolamento» parlando di questioni che esulano dai punti all'ordine del giorno della seduta, ossia assestamento di bilancio e Dup. Una critica al presidente dell'aula, Davide Garilli (Lega), che ha promesso per il futuro di applicare rigorosamente il regolamento. A favore di Pugni si è espresso Antonio Levoni (Liberali piacentini) che si è detto «mortificato» per le sue dimissioni da una commissione che ha presieduto «in modo ineccepibile, gli chiedo di ripensarci». Coda polemica anche fuori dal consiglio. Dopo che Pugni ha rivelato (v. "Libertà" di lunedì) che noti esponenti di Fdi «non più tardi di tre mesi fa» lo hanno avvicinato per verificarne la disponibilità a entrare nel gruppo di Fdi, Foti fa sapere che «ho avuto io un incontro di natura politica con il consigliere Pugni volto ad accertare, così come ho fatto e sto facendo con altri amministratori, il livello di gradimento - o meno - di Fratelli d'Italia». Pugni «disse che quello di Fdi era "il migliore gruppo consiliare del Comune", un giudizio opposto a quello che scaturisce da sue recenti affermazioni rivolte allo stesso gruppo, i cui componenti sono stati tacciati ora di dire "stupidate", ora "di non capire una mazza", ora di avere fatto "il salto della quaglia"». Passaggi che Foti inserisce in un comunicato dedicato principalmente all'interrogazione che, escludendo «attinenza» con la polemica con Pugni, ha presentato per fare luce su una riunione tenutasi al ministero della Salute guidato dal pentastellato Grillo, alla presenza di «grillini piacentini, parlamentari e del direttore generale per la programmazione sanitaria». «Impropria» la sede, attacca Foti che, nel ricordare i cambi di posizione del M5s sul nuovo ospedale, chiede di «evitare il ripetersi di un utilizzo improprio dei locali e del personale del ministero, secondo un malvezzo censurabile sotto più profili».

Libertà  

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl