Rassegna Stampa

Nessuno obbliga a proseguire su questa strada

Data: 11/02/2019

Lettera aperta a Libertà del Sig. Simone Montanari

Come semplice cittadino mi ero già espresso in queste rubriche in merito alla logistica e trovo fuori luogo ed offensivo che membri dell'attuale amministrazione accusino quindi anche il sottoscritto di riportare falsità o addirittura di "parlare del nulla". Non mi pare falso che la giunta in carica abbia concesso la variante di destinazione alla ormai famosa ex area Mandelli. Non mi pare falso che ci sia il concreto rischio che l'area del "Bollone", di cui parla il nostro sindaco, diventi un maxi polo logistico. Altrettanto non credo che tutto cio' sia "parlare del nulla", se prorio il signor Foti dice che, riporto da Libertà del 5/02/2019, "...al massimo si tratterebbe di 600mila metri...". Secondo l'amministrazione 600mila metri sarebbero nulla? Prego altresi, che non venga ancora una volta usata la scusa di aver ereditato tutto cio' dalle precedenti amministrazioni. Anche se fosse, nessuno ci obbliga a proseguire su una strada che porta alla rovina del nostro territorio e non vedo come ci si possa sentire in alcun modo vincolati. Se non vado errato, il sindaco è il massimo responsabile in fatto di salute pubblica, in quanto tale avrebbe tutti gli strumenti necessari per impedire che Piacenza diventi medaglia d'oro di inquinamento. Nel caso, e lo spero, mi stessi sbagliando e davvero questa amministrazione non avesse nessuna intenzione di dare vita a nuovi insediamenti logistici, lo dica apertamente.

Libertà

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl