Navigando il sito tommasofoti.com, accetti il modo in cui utilizzamo i cookies per migliorare la tua esperienza.
OK

Rassegna Stampa

Elezioni, Giardino e Putzu lanciano un appello per l'unità di FI 'Sostegno a Foti e Pisani'

Data: 09/02/2018

Elezioni 4 marzo, l'assessore Filiberto Putzu e Michele Giardino, consigliere comunale di Forza Italia a Piacenza, lanciano un appello per l'unità del partito, dopo i contrasti emersi tra Gianluca Argellati, coordinatore dei dipartimenti, e il segretario provinciale Jonathan Papamarenghi. L'obiettivo è di consolidare l'autorevolezza di FI con l'esito delle consultazioni, garantendo il sostegno ai candidati del centrodestra alla Camera e al Senato Tommaso Foti (FdI) e Pietro Pisani (Lega). Di seguito, il testo integrale dell'intervento di Filiberto Putzu e Michele Giardino. "Stringiam'ci a coorte", in vista del 4 marzo 2018 Le elezioni politiche per il rinnovo del Parlamento sono ormai prossime. Non è tempo di polemiche, recriminazioni e distinguo. La delusione per la mancata candidatura degli esponenti piacentini proposti sotto le insegne di Forza Italia deve necessariamente tradursi in compattezza e spirito di gruppo in vista della consultazione del 4 marzo. L'obiettivo primario è fortificare Forza Italia a livello nazionale, affinché i futuri assetti di governo, a cominciare dall'espressione del premier, siano ispirati dalla componente più liberale e moderata della coalizione. Significativo, però, sarà l'impatto che i dati elettorali produrranno anche sul territorio provinciale, sia nel versante dei rapporti politici tra le varie anime del centrodestra piacentino, sia sul fronte dell'autorevolezza che il nostro partito deve conservare verso gli eletti cui affideremo le istanze delle nostre genti. Perciò, occorre avere chiaro che Forza Italia sostiene gli amici Pietro Pisani, nel collegio uninominale del Senato, e Tommaso Foti, nel collegio uninominale della Camera, entrambi selezionati dalla coalizione per rappresentare unitariamente il centrodestra nella provincia di Piacenza. Nei listini proporzionali, invece, Forza Italia corre da sola e presenta candidati propri, di indubbio carattere e capacità. Al Senato, nell'ordine di lista, Paolo Romani, Anna Maria Bernini, Enrico Aimi e Laura Schianchi. Alla Camera, Michaela Biancofiore, Galeazzo Bignami, Francesca Gamberini e Gianluca Nicolini. Chiunque sarà eletto, dovrà contribuire a realizzare un impegnativo programma di governo: controllo dell'immigrazione e maggiore sicurezza dei cittadini, politiche a sostegno delle famiglie, aumento delle pensioni minime, tutela delle donne, flat tax al 23%, riforma del sistema sanzionatorio contro l'evasione fiscale, miglioramento della legge Fornero, riforma della giustizia, revisione dei trattati europei (solo per citare i principali punti). L'appello che pertanto rivolgiamo ai nostri elettori, agli iscritti, ai simpatizzanti, ma anche a tutti coloro che guardano Forza Italia come soluzione all'impasse che l'Italia vive in questo momento storico, è un appello alla coesione, al fare squadra. Per citare il nostro amato inno di Mameli, "stringiam'ci a coorte". Per vincere e far svoltare il Paese. Il momento è solenne. Non possiamo rischiare di sciuparlo a causa di mal di pancia. Ci vuole testa. Sulle schede elettorali basta soltanto una croce sul simbolo di Forza Italia, non serve altro. Ma dobbiamo farlo tutti insieme, convintamente.

Piacenzasera.it

«Le elezioni politiche per il rinnovo del Parlamento sono ormai prossime. Non è tempo di polemiche, recriminazioni e distinguo. La delusione per la mancata candidatura degli esponenti piacentini proposti sotto le insegne di Forza Italia deve necessariamente tradursi in compattezza e spirito di gruppo in vista della consultazione del 4 marzo. L'obiettivo primario è fortificare Forza Italia a livello nazionale, affinché i futuri assetti di governo, a cominciare dall'espressione del premier, siano ispirati dalla componente più liberale e moderata della coalizione. Significativo, però, sarà l'impatto che i dati elettorali produrranno anche sul territorio provinciale, sia nel versante dei rapporti politici tra le varie anime del centrodestra piacentino, sia sul fronte dell'autorevolezza che il nostro partito deve conservare verso gli eletti cui affideremo le istanze delle nostre genti. Perciò, occorre avere chiaro che Forza Italia sostiene gli amici Pietro Pisani, nel collegio uninominale del Senato, e Tommaso Foti, nel collegio uninominale della Camera, entrambi selezionati dalla coalizione per rappresentare unitariamente il centrodestra nella provincia di Piacenza. Nei listini proporzionali, invece, Forza Italia corre da sola e presenta candidati propri, di indubbio carattere e capacità. Al Senato, nell'ordine di lista, Paolo Romani, Anna Maria Bernini, Enrico Aimi e Laura Schianchi. Alla Camera, Michaela Biancofiore, Galeazzo Bignami, Francesca Gamberini e Gianluca Nicolini. Chiunque sarà eletto, dovrà contribuire a realizzare un impegnativo programma di governo: controllo dell'immigrazione e maggiore sicurezza dei cittadini, politiche a sostegno delle famiglie, aumento delle pensioni minime, tutela delle donne, flat tax al 23%, riforma del sistema sanzionatorio contro l'evasione fiscale, miglioramento della legge Fornero, riforma della giustizia, revisione dei trattati europei (solo per citare i principali punti). L'appello che pertanto rivolgiamo ai nostri elettori, agli iscritti, ai simpatizzanti, ma anche a tutti coloro che guardano Forza Italia come soluzione all'impasse che l'Italia vive in questo momento storico, è un appello alla coesione, al fare squadra. Per citare il nostro amato inno di Mameli, "stringiam'ci a coorte". Per vincere e far svoltare il Paese. Il momento è solenne. Non possiamo rischiare di sciuparlo a causa di mal di pancia. Ci vuole testa. Sulle schede elettorali basta soltanto una croce sul simbolo di Forza Italia, non serve altro. Ma dobbiamo farlo tutti insieme, convintamente».

Ilpiacenza.it

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl