Navigando il sito tommasofoti.com, accetti il modo in cui utilizzamo i cookies per migliorare la tua esperienza.
OK

Rassegna Stampa

Lucaselli (Fdi): 'Difendiamo e potenziamo il made in Italy'

Data: 15/02/2018

Lucaselli (Fdi): «Difendianlo e potenziamo il made in Italy» 
La candidata alla Camera al proporzionale è approdata ieri a Piacenza 

PIACENZA • Salvaguardare e potenziare il made in Italy «perché il nostro è il paese più bello del mondo». 
Ha le idee chiare la candidata Ylenia Lucaselli, approdata ieri a Piacenza, nella città che ha definito «il faro della destra italiana in Emilia Romagna». Avvocato modenese di 41 anni con origini tarantine, imprenditrice col marito americano nel settore dei vini e delle bevande, Lucaselli è la capolista alla Camera al proporzionale per Fratelli d'Italia nel nostro collegio nonché schierata anche all'uninominale a Modena. «Mi sono candidata per riportare l'Italia a essere leader nel mondo», ha detto dopo essere salutata dai due candidati locali del partito di Giorgia Meloni, Tommaso Foti e Giancarlo Tagliaferri. «Il brand Italia esiste molto nel mondo ma è poco tutelato come marchio. Dobbiamo ripartire dal nostro sistema azienda, dal lavoro, dalle pensioni. Interventi spot nei vari settori non servono a nulla», ha aggiunto. Nel suo intervento è tornata anche sui rivolti violenti del corteo antagonista di sabato e sugli spiacevoli risvolti della visita di Meloni a Livorno: «Dobbiamo tornare a occuparci dei problemi e fungere da cuscinetto perle realtà terribili che avvengono nei territori. Ho inoltre parlato con il brigadiere ferito e linciato a Piacenza e mi è parso scosso: devono finire queste cose. Provo tristezza per quei politici - come Renzi - che firmano l'elenco degli antifascisti e che fanno sembrare il nostro Paese un regime. Un voto per Fratelli d'Italia servirà a far cadere questo regime d'inquisizione. So che da questa campagna usciremo rafforzati». A lodare il profilo di Lucaselli è stato Foti: «Abbiamo la fortuna di schierare una delle poche candidate della società civile che Fratelli d'Italia ha nelle sue liste, senza andare a pescare dal "mondo delle vallette". La sua presenza e il suo curriculum danno lustro alla nostra lista». Dello stesso avviso anche Tagliaferri (che diverrebbe consigliere regionale nel caso di elezione di Foti alla Camera): «Noi rappresentiamo il cambiamento. Non neghiamo l'accoglienza, ma non condividiamo quella indiscriminata. In Italia c'è bisogno di più sicurezza e la colpa di questa situazione è negli atteggiamenti buonistici che noi contrasteremo».

Libertà

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl