Rassegna Stampa

Meloni e Fdl all'attacco: 'Inciucio Pd e M5S'

Data: 04/08/2019

COMMISSIONE REGGIO EMILIA. «Il Pd nomina una commissione d'inchiesta in Emilia-Romagna sullo scandalo degli affidamenti illeciti di minori assegnandosi la presidenza e dando le due vicepresidenze al M5s e alla Sinistra italiana». Così Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia, va all'attacco sull'esclusione del suo partito dal comitaot di presidenza della commissione insediatasi venerdì scorso. «Lo stesso Pd che ha i propri esponenti coinvolti nello scandalo e che non voleva si parlasse di Bibbiano. Lo stesso M5s che chiedeva verità, ma a livello locale vanta tra le sue fila un avvocato che ha rinunciato a ogni ruolo istituzionale per difendere una delle principali indagate - condude Meloni - Una situazione talmente paradossale che farebbe quasi ridere, se di mezzo non ci fosse il dramma di tante famiglie». 

Il deputato emiliano Tommaso Foti, vice capogruppo di Fratelli d'Italia alla Camera, rincara la dose: «Che il Pd sia alla ricerca di nuovi alleati in vista della imminente sconfitta alle elezioni regionali della Emilia Romagna è cosa nota. Meno scontato che i 5 Stelle, dopo avere sostenuto di recente la sinistra sulla omotransnegatività, facessero nuovamente da stampella alla sinistra con supporti da codice rosso. Dopo quanto è successo a Bibbiano, con bambini strappati alle famiglie d'origine per assurde decisioni imposte dagli assistenti sociali, tutto si poteva prevedere meno che il determinante appoggio del M5s ad un esponente del Pd per la presidenza della commissione d'inchiesta istituita su quei fatti, su richiesta del centrodestra, Fratelli d'italia in testa».

Gazzetta di Reggio

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl