Rassegna Stampa

Opizzi risponda alle sei domande della minoranza

Data: 01/04/2021

Lettera aperta al quotidiano Libertà del Sig. Andrea Fossati.

In questi giorni la polemica su quella che sarà di fatto la nuova moschea ha raggiunto picchi surreali. Eppure poter pregare il proprio Dio dovrebbe essere un diritto fondamentale e si fatica a comprendere quale riluttanza potrebbe esserci nel riconoscerlo formalmente, chiamando con il proprio nome una realtà che a Piacenza esiste già da oltre un decennio. Non nascondo che rileggendo Libertà partendo dalle prime fasi della querelle lo smarrimento aumenta: dapprima la Lega attacca Fdi e l'assessora Opizzi rea di non aver stoppato la pratica (a proposito, il partito di Salvini dov'era in questi ultimi quattro anni di governo della città?); successivamente la Opizzi passa da una posizione apprezzabile ( «Non avrei mai potuto avere un ruolo fondamentale in questo percorso») alla divulgazione a mezzo stampa di una lettera inviata ai funzionari comunali nella quale chiede ulteriori verifiche e chiarimenti con una tempistica allarmante, dato che l'iter si è concluso positivamente nel marzo 2021. Se la difesa dell'amministrazione ricade sul dover di legalità e trasparenza, e questo nessuno lo pone in discussione, allora per lo stesso motivo si sgombri il campo da equivoci e si dia risposta alle sei domande che l'opposizione ha posto all'assessora Opizzi. Un altro argomento utilizzato dai detrattori della moschea è quello relativo alle presunte derive terroristiche. L'on. Foti ha toccato il punto nell'intervista del 28 marzo u.s. citando quanto sta accadendo in Francia. Tuttavia occorrerebbe contestualizzare l'opera di controlli che il Paese transalpino ha messo in campo per contrastare l'estremismo islamico, in particolare quello connesso al movimento turco Visione nazionale, braccio armato di Ankara. Il fondamentalismo è certamente una minaccia per l'Europa e va combattuto con forza, ma su un tema così delicato, Foti avrebbe dovuto, con maggior senso di responsabilità, rimarcare la distanza tra quel contesto e il nostro, di certo non esposto agli stessi rischi. Apprezzabile, infine, l'intervento del vescovo monsignor Cevolotto che ha sostenuto come sia importante accogliere gli immigrati riconoscendone anche il diritto a un credo religioso altro, senza scadere nell'utilitarismo: sono persone, prima ancora che forza lavoro. Non dimentichiamolo. La pandemia ci dovrebbe unire nella solidarietà, indipendentemente dalla religione.

Andrea Fossati.

Libertà  

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl