Navigando il sito tommasofoti.com, accetti il modo in cui utilizzamo i cookies per migliorare la tua esperienza.
OK

Rassegna Stampa

Strage di Bologna, familiari delle vittime contro il governo


Strage di Bologna, familiari delle vittime contro il governo 
Le associazioni lamentano che l'esecutivo non abbia dato seguito agli impegni 

BOLOGNA • «,Auspio che al più presto venga dato pieno seguito alle azioni concordate nel maggio scorso con l'associazione delle vittime e non ancora poste in essere al fine di ricucire il rapporto di fiducia tra cittadini e istituzioni» ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso ricordando la strage di Bologna nel suo 37esimo anniversario. Il riferimento è a tutti gli impegni che il governo aveva preso con i familiari delle vittime ma che ad oggi, lamentano le associazioni, non sono stati rispettati. A questo proposito le associazione dei familiari delle vittime della Strage di Bologna si dicono pronte a manifestare contro la presenza del ministro Gianluca Galletti come delegato del governo, inviato quest'anno alla commemorazione dell'attentato in Comune. Il presidente Paolo Bolognesi ha ricordato di non aver nulla di personale contro Galletti, ma di ritenerlo una persona «sgradita» in quanto rappresentante del governo. 

Foti: «Ristabilire la verità» 
«E' giusto continuare a nascondere ai bolognesi e agli italiani quanto accadde nel nostro paese nell'estate del 1980?». Tommaso Foti, presidente del Gruppo di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale nell'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, lo chiede in un'interrogazione dove riporta, rivisitandolo, l'incipit di un editoriale pubblicato sul quotidiano Il Tempo il 28 luglio scorso, che fa riferimento alla strage.
Nell'editoriale il direttore del quotidiano chiede se non sia giunto il momento di desegretare quei documenti «tenuti ancora incredibilmente sottochiave» che «stravolgerebbero la verità giudiziale passata in giudicato» sulla strage, svelandone finalmente il «legame con il terrorismo palestinese». «La realtà dei fatti deve essere ristabilita- sottolinea Foti lo si deve alla vittime, ai loro famigliari, alla città martoriata dalla strage e alla storia italiana».

Libertà


02/08/2017

facebbok

Rassegna Stampa

Tommaso Foti TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl