Navigando il sito tommasofoti.com, accetti il modo in cui utilizzamo i cookies per migliorare la tua esperienza.
OK

Regione

Treni: tratta Parma - Suzzara, pesanti ritardi e problemi di sicurezza sui vagoni; Foti: 'intervenire con decisione per risolvere i problemi'

Numero: 5627
Soggetto: Assemblea

Per sapere, premesso che: - 

nella giornata di ieri, 15 novembre, sulla linea ferrovia Parma - Suzzara si è verificato l'ennesimo pesante ritardo: il treno 11161 che doveva arrivare a Parma alle 7.18 è arrivato invece in stazione dopo le 8.00; 

tale ritardo ha scatenato la protesta non solo di chi doveva raggiungere la città ducale, ma anche di chi, proprio da Parma, aspettava che quel treno ripartisse con direzione Suzzara per raggiungere la bassa reggiana e mantovana. Tra questi passeggeri, anche circa trenta persone che sono arrivate a Brescello in ritardo rispetto alla coincidenza con l'autobus che le avrebbe dovute condurre a Viadana; 

a monte di questo disagio pare esserci un non meglio precisato guasto a un passaggio a livello del quale i passeggeri non sono però stati informati da Tper, che gestisce la tratta Parma-Suzzara; 

a Brescello, inoltre, non vi è la sala d'attesa e dunque i passeggeri, quasi tutti abbonati, sono dovuti restare fuori al freddo per attendere chi il treno in ritardo, chi il taxi, avendo perso la coincidenza con l'autobus di linea; 

purtroppo guasti, soppressioni di treni e ritardi, non costituiscono l'eccezione, ma la norma su questa tratta; 

a ciò si sommano i pochi controlli all'interno dei vagoni, a bordo dei quali molti viaggiano senza biglietto e si permettono comportamenti poco civili. A detta dei pendolari più volte sono state segnalate anche situazioni di vero e proprio pericolo nelle quali sono incappati i controllori, a volte vittime di minacce e violenze; 

se la Giunta Regionale sia a conoscenza della situazione e quale giudizio intenda esprimere sul servizio offerto da Tper ai tanti pendolari che mensilmente pagano un abbonamento di decine di euro per ottenere un servizio che definire carente è dir poco; 

se, e nel caso quali, forme di indennizzo siano poste a tutela degli abbonati; 

quali azioni abbia in animo di intraprendere la Giunta regionale per porre rimedio ai gravi disservizi ed ai problemi di sicurezza evidenziati in premessa.

Tommaso Foti


16/11/2017

facebbok

Rassegna Stampa

Tommaso Foti TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl