Camera

Costi dell'energia e misure adottate; la situazione nella quale versano famiglie ed imprese e' straordinariamente grave

Data: 22/03/2022
Numero: 662
Soggetto: Camera dei Deputati

Informativa urgente del Governo sui recenti ulteriori rincari dei costi dell'energia e sulle misure adottate per contrastarne gli effetti

TOMMASO FOTI (FDI). Signor Presidente, quando, come Fratelli d'Italia, le abbiamo chiesto, perché sarebbe stato opportuno, che il Governo rendesse comunicazioni e non un'informativa, lo abbiamo fatto per evitare di parlare più a sedie vuote che a sedie occupate. Se non altro, perché, come lei sa, la comunicazione si conclude con un atto di indirizzo. Ci pare che questo atto di indirizzo non sia solo quello che domani si darà al Presidente Draghi per andare in Europa. Occorreva, infatti, un atto di indirizzo anche nei confronti del Ministro Cingolani, perché, se abbiamo ben compreso il tenore delle dichiarazioni rese prima da chi ci ha preceduto, ci siamo scoperti improvvisamente essere noi la maggioranza e tutti gli altri l'opposizione (Applausi dei deputati del gruppo Fratelli d'Italia). Non ce n'è stato uno che abbia suonato la stessa musica, Ministro. Non parlo di coloro i quali l'hanno segnalata - si dice - come Ministro e poi hanno pensato bene di spararle addosso, dal giorno dopo della sua nomina a Ministro. Noi siamo abituati - siamo gente abbastanza diretta - a dire le cose come stanno: questa situazione è figlia del muro dei "no", dei "no" a tutto, dei "no" alla realtà che si stava prefigurando. Queste crisi - lei lo sa e me lo insegna - sono cicliche. Il problema è che alle crisi cicliche bisogna dare risposte di sistema, non bisogna aspettare che si verifichino per studiare le risposte da dare. Ho letto molto attentamente la sua informativa resa al Senato e c'è il quadro delle nostre disgrazie, c'è tutto: c'è il fatto che, nel 2001, in questo Paese si producevano 15 miliardi di metri cubi di gas e, nel 2021, siamo arrivati a 3 miliardi e nessuno ha detto nulla, nessuno ha protestato. Non abbiamo visto gente che andasse in piazza per questo motivo, perché gli si è data l'illusione che anche così saremmo andati bene, che non c'erano problemi. Così è stato per tante scelte. Quanto alle rinnovabili, signor Ministro, un giorno potremo conoscere anche i costi assistiti di queste rinnovabili (Applausi dei deputati del gruppo Fratelli d'Italia)? Perché anche di questo bisogna parlare, una volta tanto. Noi non diciamo che non vanno bene ma, quando lei ci ha parlato di speculatori, ci è venuta in mente anche una cosa che, infatti, fa parte di uno dei punti che lei ha toccato. Riguardo a questa speculazione, che, in una prima interpretazione dei giornali, che è quella che ha fatto titolo, era tutta speculazione italiana, lei poi ha fatto un'agenzia ANSA, non ripresa da nessuno, nella quale ha detto: scusate, a dire il vero io mi riferivo a quanto accade in Olanda. Probabilmente, il title transfer facility sono in pochi a sapere come funzioni e perché c'è. Tutti hanno pensato, allora, che gli speculatori fossero italiani e bisognasse tirar fuori i nomi degli speculatori italiani. Se proprio dobbiamo dire di un'anomalia italiana, riguardo a quel tema di cui lei ha parlato giustamente - e io condivido - e che molti ritengono di bypassare, anche nella discussione di oggi, cioè il disaccoppiamento dei prezzi di vendita dell'energia prodotta dalle tecnologie rinnovabili rispetto alla produzione termoelettrica, vorrei far presente che in questo momento il divario è di 1 a 3, come costi, ma la rendita è esattamente la stessa, come incasso. Allora, tra gli extraprofitti e gli extraapprofittatori vorremmo capire da che parte sta qualcuno qui dentro (Applausi dei deputati del gruppo Fratelli d'Italia). Signor Ministro, le dico di più. Lei oggi l'ha accennato, ma non ha evidentemente affondato: quando si parla di energy mix, si può sapere questa maggioranza che idea abbia al riguardo? Io non citerò noti estremisti di destra, citerò due studiosi che, magari, non saranno simpatici a qualche dirimpettaio, ma poco rileva. Secondo Filippo Andreatta, non si può avere nello stesso tempo l'indipendenza energetica, prezzi bassi dei combustibili e transizione alle rinnovabili; bisogna scegliere, tutto qui. Secondo Lorenzo Forni, i costi della transizione energetica sono stati largamente sottovalutati, meglio accorgersene per tempo. Questi appunti, che ci vengono dal mondo della cultura e dal mondo dell'economia, dovrebbero far riflettere una classe che vuole essere una classe dirigente e non una classe autoassolvente e farle dire: dato che abbiamo sbagliato, vogliamo continuare a sbagliare anche per il futuro o vogliamo ragionare secondo le regole e le logiche della scienza e della ricerca (Applausi dei deputati del gruppo Fratelli d'Italia)? È molto bello continuare a ricordare che i 15 miliardi che sono stati dati - come diceva prima la collega presidente della X Commissione, ora assente - non sono stati percepiti. È vero che non sono stati percepiti però, signor Ministro, non lo sono stati per un unico motivo. Infatti, se noi li diamo - e continuiamo a dare miliardi - ma non troviamo mai la soluzione al problema, diventerà una catena infinita, ci impiccheremo a quei miliardi senza aver dato una risposta di sistema (Applausi dei deputati del gruppo Fratelli d'Italia). È pur vero che una volta ci è stato detto: cosa succede nel sistema delle famiglie e delle imprese? Il sistema delle famiglie e delle imprese sta subendo uno tsunami. Le imprese pagano oggi 37 miliardi di bollette rispetto all'8 per cento, famiglie e imprese sono alla canna del gas ma non lo possono usare perché costa troppo, questo è il problema! Signor Ministro, noi le diciamo, da destra di opposizione, venga con un documento, si assuma la responsabilità di portare all'attenzione del Parlamento un documento da votare per le prospettive, perché lei ha detto, al Senato "lascerò in eredità 5 paginette per il futuro". Mi permetto di lanciarle una sfida: quelle 5 paginette servono oggi, perché fra un anno potrebbe essere troppo tardi (Applausi dei deputati del gruppo Fratelli d'Italia).

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl