Navigando il sito tommasofoti.com, accetti il modo in cui utilizzamo i cookies per migliorare la tua esperienza.
OK

Regione (Archivio)

Ausl di Piacenza, trasferimento del Centro Prelievi in via Anguissola; decisione del tutto irragionevole e senza nessun coinvolgimento degli enti locali piacentini

Data: 19/12/2017
Numero: 5835
Soggetto: Assessore alle politiche per la salute
Data Risposta: 15/02/2018

Per sapere, premesso che: - 

nei giorni scorsi l'interrogante ha denunciato, in Consiglio Comunale a Piacenza, l'intenzione dell'Ausl di trasferire il Centro Prelievi, attualmente collocato nel nucleo antico dell'Ospedale Guglielmo da Saliceto, nei locali riservati in passato al 118, nell'area di Via Anguissola (zona Borgotrebbia); 

detta scelta pare ispirata da criteri di irragionevolezza manifesta e di scarso rispetto per l'utenza: se, infatti, la struttura attualmente utilizzata appare satura, basterebbe qualche modesto intervento, e qualche ancora più modesta decisione, per ovviare la situazione; 

certo è che il trasferimento del Centro Prelievi dall'attuale sede renderà oltremodo complicato agli utenti, in particolare alla popolazione anziana, di servirsi dell'autobus per raggiungere lo stesso, atteso che - differentemente dall'attuale sede - la nuova ipotizzata sede di Via Anguissola risulta ben poco servita dai mezzi di trasporto pubblico. Quanto al parcheggio gratuito riservato alle auto è costantemente esaurito non essendo prevista la sosta a tempo. A tacere, infine, delle difficoltà di raggiungere l'immobile di Via Anguissola a piedi, con l'attraversamento di una delle vie (XXI Aprile) sulle quali insiste il maggiore carico di traffico veicolare della città; 

detta intenzione dell'Ausl, tra l'altro mai comunicata agli enti locali piacentini, appare sorprendente solo che si pensi che la detta Azienda sostiene l'idea della realizzazione di un nuovo ospedale cittadino in aree ubicate ad un paio di chilometri dalla Via Anguissola. 

Per altro i laboratori di analisi rimarrebbero dove attualmente sono ubicati ed il collegamento con il centro prelievi sarebbe garantito attraverso la posta pneumatica; 

se la Giunta Regionale intenda richiamare l'Ausl di Piacenza ad una più attenta e ponderata valutazione delle decisioni destinate ad interessare quanto meno un'utenza significativa (la media di afflusso al Centro Prelievi è pari a circa 300 persone al giorno), evitando di dare corso a scelte inopinate, quale quella sopra rappresentata, atteso che, anche nel caso di un futuro trasferimento della sede ospedaliera, l'attuale sede ben potrebbe continuare ad essere operativa all'interno del Guglielmo da Saliceto.

Tommaso Foti

RISPOSTA

Con riferimento all'interrogazione in oggetto, acquisite le necessarie informazioni dall'Azienda Usl di Piacenza, si illustra quanto segue. 

L'Azienda Usl di Piacenza sta verificando l'ipotesi di spostamento, in via Anguissola, del Centro prelievi dell'Ospedale Guglielmo da Saliceto, in quanto nel percorso per l'accreditamento istituzionale del Servizio immunotrasfusionale sono state, per quest'ultimo, evidenziate criticità non superabili (locali non commisurati ai volumi e alle tipologie di prestazioni). L'Azienda Usi ha ipotizzato, pertanto, il trasferimento del Centro prelievi per ricollocare al suo posto il Servizio immunotrasfusionale. Il trasferimento permetterà di completare l'unificazione, in un'unica struttura, del Dipartimento di Patologia a cui appunto afferisce il Servizio immunotrasfusionale. 

L'accorpamento, presso la sede di via Anguissola, del Centro prelievi e delle Associazioni di volontariato (AVIS, AlDO, ADMO) legate alle attività trasfusionali e trapiantologiche permetterebbe, tra l'altro, di consolidare la proficua collaborazione già in atto tra queste associazioni e l'Azienda Usi; infatti in tal modo si potranno concentrare sia i mezzi usati per le attività di donazione sul territorio sia le attività di formazione. 

L'Azienda Usl ritiene che la dislocazione del Centro prelievi fuori dall'ospedale permetterebbe anche il superamento dell'attuale affollamento, soprattutto in particolari orari, del nucleo antico dell'ospedale e la conseguente difficoltà per cittadini e pazienti di parcheggiare la propria auto. Infatti, a poche decine di metri dalla ipotizzata nuova sede, sono presenti ampi parcheggi ed una linea di autobus urbani, passante già per via Anguissola, con una fermata a pochi metri dall'ingresso dell'edificio che ospiterà il Centro prelievi. 

Infine, la rifunzionalizzazione dei locali lasciati liberi dal Centro trasfusionale sarà occasione per collocarvi attività ora ospitate in fabbricati con contratti passivi di locazione che saranno conseguentemente rescissi.

Sergio Venturi

facebbok

Rassegna Stampa

TommasoFoti
powered by Blacklemon Srl